Archeologia Informatica – [PODCAST] AI 6×03: STORIA DEI VIRUS INFORMATICI

E’ in linea il nuovo podcast relativo ai virus informatici Trovate il podcast cliccando qui!!!

In questo nuovo episodio del Podcast ripercorreremo la storia dei Virus Informatici assieme a Carlo Santagostino e Davide Gatti.

Si partirà dal 1949, quando John von Neumann presentò la “Teoria degli automi auto-riproducenti” ed è per questo considerato il “padre” teorico della virologia informatica, per poi passare ad una digressione sulla letteratura di fantascienza che ha anticipato la realtà. Parleremo del racconto del 1970 “The Scarred Man” di Gregory Benford che descrive un programma per computer chiamato “VIRUS” che si diffonde rapidamente in modo esponenziale attraverso computer collegati tramite modem telefonico e può essere contrastato solo da un secondo programma chiamato “VACCINE”. L’idea fu ulteriormente approfondita in due romanzi del 1972, “When HARLIE Was One” di David Gerrold e “The Terminal Man” di Michael Crichton , e divenne uno dei temi principali del romanzo del 1975 “The Shockwave Rider” di John Brunner che anticipa in maniera profetica anche l’avvento di Internet.

Si parlerà poi del “virus” o meglio “worm” Creeper che fu scoperto per la prima volta su ARPANET , il precursore di Internet , nei primi anni ’70. Creeper era un programma sperimentale autoreplicante scritto da Bob Thomas alla BBN Technologies nel 1971 e “infettava” i computer DEC PDP-10 che eseguono il sistema operativo TENEX . Sui mainframe infettati appariva il messaggio “Sono il creeper, prendimi se puoi!”… per eliminare “Creeper” fu scritto il programma “Reaper” che può essere considerato il primo “antivirus” della storia.

Racconteremo poi delle prime apparizioni di “VIRUS” su personal computer dove nel 1982, un programma chiamato ” Elk Cloner ” fu il primo ad apparire “in natura”, vale a dire, al di fuori del singolo computer o “laboratorio” (rete di computer) in cui fu creato. Scritto nel 1981 da Richard Skrenta , un ragazzo che frequentava la Mount Lebanon High School vicino a Pittsburgh , si diffuse “infettando” i boot-block dei floppy disk su Apple II con DOS 3.3.

E infine arriveremo all’ “anno domini” 1986 dove i Virus iniziarono a comparire e diffondersi in tutto il mondo sui personal computer dell’epoca, dal MS-DOS al C64 e sopratutto, per la nostra generazione, su Amiga e Atari ST dove molti di noi fecero il loro primo incontro con un “VIRUS” informatico.

 

I commenti sono chiusi.